Casa nuova, IVA rimborsata a metà

ABITAZIONE NUOVA

nuovi sconti

Casa nuova con IVA a metà
© faber14 / Fotolia

Il comma 56, dell’articolo 1, della Legge di Stabilità 2016 ha introdotto una importante agevolazione, a favore di chi acquista un immobile abitativo da una impresa di costruzione, permettendo il recupero del 50% dell’IVA pagata, mediante una detrazione dalle tasse, spalmata in 10 quote annuali, a condizione che si tratti di una abitazione classificata con classe energetica A oppure B.

Chi può usufruirne

L’agevolazione è concessa a tutti i soggetti che producono redditi assoggettati ad IRPEF (imposta sul reddito delle persone fisiche), e quindi riguarda tutti i soggetti privati.

L’agevolazione è limitata agli acquisti effettuati nel periodo dal 1° gennaio al 31 dicembre 2016.

Gli immobili agevolabili

L’immobile, per poter usufruire dell’agevolazione, deve:

  1. essere un immobile di tipo abitativo, quindi con destinazione residenziale. Si ha diritto all’agevolazione, pertanto, sia se si acquista la “prima casa”, piuttosto che la “seconda casa” ed anche in caso di acquisto di un immobile abitativo da concedere in affitto. Non viene fatta alcuna distinzione tra le abitazioni “di lusso” e quelle “non di lusso”.
  2. avere prestazioni energetiche di classe A oppure B

L’immobile deve essere essere acquistato dall’impresa costruttrice, in quanto è questa la situazione in cui l’acquisto è assoggettato ad IVA. Al momento non è stato chiarito se è agevolato anche l’acquisto nei confronti dell’impresa ristrutturatrice.

L’impresa di costruzione, al momento della vendita dell’immobile abitativo, ha l’obbligo di applicare l’IVA se la vendita avviene entro 5 anni dal termine dei lavori di costruzione, mentre per le vendite che si verificano dopo i 5 anni dal termine lavori, l’impresa ha facoltà di applicare o meno l’IVA.

Quando si effettua l’acquisto di una abitazione, da parte di una impresa costruttrice, si applicano le seguenti aliquote IVA:

  • 4% in caso di acquisto di una abitazione “non di lusso” (cioè classificata da A/2 ad A/7 ed A/11) da parte di chi possiede i requisiti per l’acquisto come “prima casa”
  • 10% in caso di acquisto di una abitazione “non di lusso”, da parte di chi non ha i requisiti “prima casa”
  • 22% in caso di acquisto di abitazione “di lusso” (cioè classificata A/1, A/8, A/9) da parte di chiunque

Al momento non è stato chiarito se l’agevolazione spetta anche sulle pertinenze (box, cantine, posti auto, ecc.) acquistate congiuntamente all’abitazione.

Ammontare dell’agevolazione

L’agevolazione, consistente nella concessione di una detrazione fiscale da applicare sull’IRPEF:

  • è di importo pari al 50% dell’IVA pagata al momento dell’acquisto dell’unità abitativa
  • deve essere ripartita in 10 quote annuali di uguale importo

Considerazioni

La novità apportata dalla Legge di Stabilità va nella direzione di incentivare le vendite degli immobili abitativi, consentendo all’acquirente di ridurre l’incidenza dell’IVA pagata all’impresa.

Va pertanto considerata una iniziativa decisamente lodevole, i cui frutti potranno essere valutati solo al termine di questo nuovo anno.

Se l’articolo ti è stato utile o ha riscosso il tuo interesse, condividilo con altri.

Se hai dei dubbi o necessiti di approfondimenti, scrivi nei commenti.

2 commenti su “Casa nuova, IVA rimborsata a metà

  1. Buongiorno,
    rimane in vigore la norma sul credito d’imposta correlato alla prima casa?
    Mi spiego meglio: se vendo un immobile e ne acquisto un altro soggetto a Iva posso scalare le imposte del primo dal secondo in dichiarazione dei redditi. Quindi come applichiamo questa agevolazione? Possiamo sia scalare che chiedere il rimborso del 50%????

    1. Buongiorno Ivan,
      la domanda che poni è decisamente interessante.
      Ad oggi l’Agenzia delle Entrate non si è ancora pronunciata con circolari esplicative sulle modalità di utilizzo del nuovo credito di imposta del 50% dell’IVA pagata al costruttore.
      La Legge di Stabilità 2016, che ha introdotto tale credito, non riporta alcuna esclusione di precedenti agevolazioni.
      Allo stato attuale, pertanto, la risposta alla tua ultima domanda è positiva: vale a dire che si possono fruire entrambi le agevolazioni, sia quella relativa al riacquisto della prima casa (Legge 448/1998 articolo 7) che quella relativa all’acquisto da impresa di costruzione (Legge Stabilità 2016, art.1, comma 56).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Svolgo dal 1984 la professione di Ragioniere Tributarista con studio in Torino. La mia specializzazione consiste nel fornire risposte e soluzioni alle problematiche fiscali e tributarie delle piccole imprese e dei liberi professionisti.