Compensazione F24: ecco le novità

Modello F24

niente banca se compensi

© fusolino / Fotolia

I titolari di partita IVA non possono più utilizzare l’home banking per presentare i modelli F24 con compensazione di qualsiasi importo.

Dallo scorso 24 aprile è diventato obbligatorio l’utilizzo dei canali telematici Entratel o Fisconline per presentare i modelli F24 che contengono compensazioni di qualsiasi importo e tipo.

Cosa cambia per imprese e professionisti

I soggetti titolari di partita IVA non possono più utilizzare i servizi online della propria banca (il cosidetto canale “home banking”) per presentare i modelli F24 che contengono anche importi a credito.

Anche i modelli F24 con saldo zero già dovevano essere presentati utilizzando i canali telematici dell’Agenzia Entrate. Ora l’obbligo viene esteso anche ai modelli F24 che contengono compensazioni.

Cosa cambia per i privati

Nulla cambia per i soggetti non titolari di partita IVA: possono pertanto continuare ad utilizzare il servizio di home banking anche per i modelli F24 con compensazioni, come hanno fatto sino ad ora.

Quale soluzione adottare

Per i titolari di partita IVA la novità impone di scegliere tra due soluzioni.

La prima soluzione è quella di attivarsi presso l’Agenzia Entrate per richiedere i codici di accesso ai servizi telematici Entratel o Fisconline.

La seconda soluzione, alternativa alla precedente, è quella di affidare l’incarico di trasmettere i propri modelli F24 ad un intermediario abilitato, quale è tipicamente il proprio consulente fiscale.

Se l’articolo ti è stato utile o ha riscosso il tuo interesse, condividilo con altri.

Se hai dei dubbi o necessiti di approfondimenti, scrivi nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Svolgo dal 1984 la professione di Ragioniere Tributarista con studio in Torino. La mia specializzazione consiste nel fornire risposte e soluzioni alle problematiche fiscali e tributarie delle piccole imprese e dei liberi professionisti.