Familiari a carico nel modello 730/2016

FAMILIARI A CARICO

come fare nel 730/2016

Familiari a carico nel modello 730/2016
© Monkey Business / Fotolia

Ai contribuenti con familiari fiscalmente a carico competono delle detrazioni dall’IRPEF lorda, in proporzione ai mesi in cui tali familiari risultano a carico.

Si tratta dei seguenti familiari:

  • il coniuge
  • i figli
  • gli altri familiari

La condizione per essere considerati fiscalmente a carico è che ciascuno dei familiari sopra elencati possieda, per l’anno 2015, un reddito complessivo (al lordo degli oneri deducibili) non superiore a € 2.840,51.

Coniuge a carico

Per poter usufruire della detrazione, il coniuge a carico deve:

  • non essere legalmente ed effettivamente separato
  • aver percepito nel 2015 un reddito complessivo non superiore a € 2.840,51

L’importo della detrazione per il coniuge a carico varia a seconda del reddito complessivo del dichiarante. Tale reddito complessivo va così conteggiato:

  • al netto della deduzione per abitazione principale e pertinenze
  • conteggiando il reddito da affitto di immobili con applicazione della “cedolare secca”
Importo della detrazione per coniuge a carico
Reddito complessivo
Detrazione per coniuge a carico
fino a € 15.000,00
€ 800,00 - (€ 110,00 x (reddito complessivo / € 15.000,00))
oltre € 15.001,00 fino a € 29.000,00
€ 690,00
oltre € 29.001,00 e fino a 29.200,00
690 + 10 = € 700,00
oltre € 29.201,00 e fino a € 34.700,00
690 + 20 = € 710,00
oltre € 34.701,00 e fino a € 35.000,00
690 + 30 = € 720,00
oltre € 35.001,00 e fino a € 35.100,00
690 + 20 = € 710,00
oltre € 35.101,00 e fino a € 35.200,00
690 + 10 = € 700,00
oltre € 35.201,00 e fino a € 40.000,00
€ 690,00
oltre € 40.001,00 e fino a € 80.000,00
€ 690,00 x ((€ 80.000,00 - reddito complessivo) / € 40.000,00)

Se nel corso dell’anno 2015 si è verificata una situazione quale:

  • matrimonio
  • decesso
  • separazione legale ed effettiva
  • scioglimento o annullamento del matrimonio

la detrazione spetta in proporzione ai mesi in cui il coniuge risulta a carico.

Come compilare il modello 730/2016

coniuge

Nel prospetto “Familiari a carico” del modello 730/2016, il primo rigo va compilato come segue:

  • barrare la casella “C”
  • indicare il codice fiscale del coniuge anche se non viene presentata la dichiarazione congiunta ed anche se non risulta fiscalmente a carico
  • indicare il numero dei mesi in cui il coniuge è risultato a carico. I periodi inferiori al mese si considerano comunque mese intero.

Figli a carico

Si considerano fiscalmente a carico i figli che nel 2015 abbiamo conseguito un reddito complessivo non superiore a € 2.840,51.

Ai fini della detrazione, non ha alcuna rilevanza:

  • la convivenza con il dichiarante
  • la mancanza di residenza in Italia
  • l’età
  • l’essere studente o tirocinante gratuito
  • lo stato fisico (inabilità permanente al lavoro)

Ai figli fiscalmente a carico è attribuita:

  • una detrazione “ordinaria”, che varia a seconda del reddito complessivo del dichiarante
  • una ulteriore detrazione, di importo fisso, in presenza di almeno quattro figli a carico

Importo della detrazione ordinaria

Il calcolo della detrazione ordinaria inizia con la definizione della detrazione potenziale che viene maggiorata in presenza di:

  • numero di figli elevato
  • figli portatori di handicap
  • figli di età inferiore a tre anni
  • assenza del coniuge (dichiarante vedovo, ragazza madre, ecc.)
DETRAZIONE POTENZIALE PER FIGLI A CARICO
N. figli
Detrazione base
Minore 3 anni
Portatore handicap
1
€ 950,00
€ 1.220,00
- € 1.350,00 se maggiore tre anni
- € 1.620,00 se minore tre anni
2
€ 950,00
€ 1.220,00
- € 1.350,00 se maggiore tre anni
- € 1.620,00 se minore tre anni
3
€ 950,00
€ 1.220,00
- € 1.350,00 se maggiore tre anni
- € 1.620,00 se minore tre anni
almeno 4
€ 1.150,00
€ 1.420,00
- € 1.550,00 se maggiore tre anni
- € 1.820,00 se minore tre anni

Per ottenere la detrazione effettivamente spettante occorre effettuare uno specifico rapporto che dipende dal reddito complessivo del dichiarante e dal numero di figli fiscalmente a carico.

Ripartizione tra i genitori della detrazione ordinaria

La ripartizione della detrazione per i figli a carico tra i genitori varia a seconda che gli stessi genitori siano:

  • coniugati (non legalmente ed effettivamente separati)
  • legalmente ed effettivamente separati (o in caso di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio)

In caso di genitori coniugati, la detrazione per i figli:

  • va ripartita al 50% per ciascun genitore
  • può essere attribuita al 100% (con accordo tra i genitori) al genitore con il reddito complessivo più elevato

Nel caso in cui i genitori siano legalmente ed effettivamente separati (e negli altri casi di cui sopra):

  • la detrazione, in mancanza di accordo, spetta al genitore affidatario al 100%
  • in caso di affidamento congiunto o condiviso, la detrazione si ripartisce al 50% tra i genitori
  • in caso di accordo, i genitori possono utilizzare le stesse regole previste per i genitori coniugati

In caso di coniuge fiscalmente a carico dell’altro, la detrazione per i figli spetta interamente al coniuge dichiarante.

Ulteriore detrazione in caso di almeno quattro figli a carico

In caso di almeno quattro figli fiscalmente a carico, spetta una ulteriore detrazione di € 1.200,00.

Tale ulteriore detrazione:

  • è autonoma rispetto alla detrazione “ordinaria”; infatti spetta in aggiunta alla detrazione ordinaria
  • spetta solo se competono le detrazioni ordinarie
  • spetta per l’intero importo, anche qualora la condizione dei quattro figli a carico si verifica solo per parte d’anno
Ripartizione tra i genitori dell’ulteriore detrazione

L’ulteriore detrazione di € 1.200,00 è ripartita:

  • al 50%, tra i genitori non legalmente ed effettivamente separati
  • in proporzione agli affidamenti stabiliti dal giudice, in caso di separazione legale ed effettiva o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio

In caso di coniuge fiscalmente a carico dell’altro, la detrazione spetta al 100% al coniuge dichiarante.

Come compilare il modello 730/2016

figli

Nel prospetto “Familiari a carico” del modello 730/2016, nei righi da 2 a 5, si indicano i dati dei figli fiscalmente a carico del dichiarante come segue:

  • nel rigo 2 si indicano i dati relativi al primo figlio a carico, o quello con l’età maggiore
  • nei righi da 3 a 5 si indicano i dati dei figli a carico successivi al primo

Altri familiari a carico

La detrazione per gli “altri familiari a carico” varia a seconda del reddito complessivo del dichiarante.

Possono essere considerati “altri familiari” :

  • il coniuge legalmente ed effettivamente separato (in caso di convivenza)
  • i discendenti dei figli
  • i genitori e gli ascendenti prossimi (nonni e nonne)
  • i generi e le nuore
  • il suocero e la suocera
  • i fratelli e le sorelle

Sono considerati fiscalmente a carico gli “altri familiari” che:

  • conseguano nel 2015 un reddito complessivo non superiore a € 2.840,51
  • convivano con il dichiarante o ricevano dal dichiarante stesso assegni alimentari non risultanti da provvedimenti giudiziari

Importo della detrazione

La detrazione per gli altri familiari a carico varia in base al reddito complessivo del dichiarante e viene così calcolata:

€ 750,00 x ((€ 80.000,00 – reddito complessivo) / € 80.000,00)

L’importo della detrazione va sempre rapportato a mese.

Come compilare il modello 730/2016

altri

Nel prospetto “Familiari a carico” del modello 730/2016, si indicano i dati relativi agli altri familiari a carico nei righi da 3 a 5.

Se l’articolo ti è stato utile o ha riscosso il tuo interesse, condividilo con altri.

Se hai dei dubbi o necessiti di approfondimenti, scrivi nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Svolgo dal 1984 la professione di Ragioniere Tributarista con studio in Torino. La mia specializzazione consiste nel fornire risposte e soluzioni alle problematiche fiscali e tributarie delle piccole imprese e dei liberi professionisti.