Bollo in fattura: breve guida

Marca da bollo

quando e come va messa sulla fattura

Bollo in fattura: breve guida
© Andrey Popov / Fotolia

Quando va apposta la marca da bollo sulla fattura? Chi deve apporre la marca da bollo? Chi deve pagare il bollo in fattura? E se mando al cliente la fattura via e-mail come devo fare?

In questa mini guida troverai tutte le indicazioni utili per evitare errori ed inutili sanzioni quando è dovuta l’imposta di bollo sulla fattura.

Regole generali

In linea generale, il bollo va assolto su tutte le fatture in cui non è addebitata l’IVA: si parla infatti, in questo caso, di alternatività tra l’imposta di bollo e l’IVA.

Inoltre, l’imposta di bollo è dovuta solo quando il documento è di importo superiore a 77,47 Euro.

L’obbligo di applicare il bollo sulla fattura spetta a colui che emette il documento (comunemente il fornitore) mentre il costo della marca da bollo è a carico del consumatore finale (quindi il cliente), anche se il fornitore rimane obbligato in solido (è cioè tenuto al pagamento se non vi provvede il cliente).

Dal 26 giugno 2013 l’importo della marca da bollo in fattura è di 2 Euro, mentre in precedenza era di 1,81 Euro.

Quando serve il bollo in fattura

Queste sono le principali tipologie di operazioni in cui è richiesta l’apposizione della marca da bollo.

Tipologia di operazioneNorma
Operazioni fuori campo IvaArticoli 2, 3, 4, 5 e articoli da 7-bis a 7-septies del DPR 633/72
Operazioni non imponibili Iva per cessioni ad esportatori abitualiArticolo 8, comma 1, lettera c), DPR 633/72
Operazioni non imponibili, in quanto assimilate alle cessioni all'esportazioneArticolo 8-bis, DPR 633/72
Operazioni esenti IvaArticolo 10, DPR 633/72
Operazioni escluse da IvaArticolo 15, DPR 633/72
Operazioni non imponibili per servizi internazionali o connessi agli scambi internazionali (salvo alcune eccezioni)Articolo 9, DPR 633/72
Operazioni effettuate da contribuenti minimi o forfettariCircolari Agenzia Entrate n. 7/E/2008 e n. 10/E/2016

Documenti non soggetti a bollo

Ecco le altre operazioni per le quali, invece, le fatture non sono soggette al bollo, anche se il loro importo è superiore a 77,47 Euro.

Tipologia di operazioneNorma
Operazioni in reverse chargeCircolare Agenzia Entrate n. 37/E/2006
Operazioni con Iva assolta all'origineOperazioni articolo 74, DPR 633/72
Fatture per esportazioni di merce e cessioni intracomunitarie di beni.Articolo 8, lett. a) e b) DPR 633/72.
Articoli 41, 42 e 58 DL 331/1993.
Salvo le eccezioni previste per le operazioni eseguite dai contribuenti forfettari.

Come si paga il bollo in fattura

L’apposizione dell’imposta di bollo sulla fattura è compito di chi emette la fattura (fornitore) e il bollo deve essere applicato sul documento originale che si consegna al cliente.

Le modalità di pagamento del bollo sono diverse a seconda che si tratti di fattura cartacea oppure di fattura elettronica.

Fattura cartacea

ModalitàCome fare
Contrassegno telematico (che si acquista nelle ricevitorie) apposto alla fattura originale e consegnata al cliente finale. Il contrassegno è dotato di un numero identificativo.Sulla copia della fattura (che resta al fornitore) occorre indicare: "Imposta di bollo assolta sull'originale ID ..."
Modo virtuale. Con questa modalità, a seguito di autorizzazione da richiedere telematicamente all'Agenzia Entrate, il fornitore paga l'imposta di bollo anticipatamente tramite acconti bimestrali utilizzando il modello F24. Entro il 31 gennaio dell'anno successivo il fornitore presenta una dichiarazione annuale in cui effettua l'eventuale conguaglio.Sulla fattura emessa il fornitore indica la seguente dicitura: "Imposta di bollo assolta in modo virtuale ex DM 17/06/2014"
Fatture cartacee inviate a mezzo e-mail, fax od altro strumento elettronico.L'Agenzia Entrate ha precisato (in modo non ufficiale) che il comportamento da adottare è il seguente:
- il fornitore che emette la fattura stampa la sua copia e appone su di essa la marca da bollo
- invia poi la fattura tramite e-mail (o altro) riportando su tale fattura il numero identificativo della marca da bollo usata
- il cliente stampa la fattura ricevuta e la conserva nei modi soliti

Fattura elettronica

ModalitàCome fare
Modalità virtuale senza necessità di autorizzazione preventiva dall'Agenzia Entrate.L'imposta di bollo si versa cumulativamente entro il 30 aprile dell'anno successivo, utilizzando il modello F24.

Se l’articolo ti è stato utile o ha riscosso il tuo interesse, condividilo con altri.

Se hai dei dubbi o necessiti di approfondimenti, scrivi nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Svolgo dal 1984 la professione di Ragioniere Tributarista con studio in Torino. La mia specializzazione consiste nel fornire risposte e soluzioni alle problematiche fiscali e tributarie delle piccole imprese e dei liberi professionisti.