Carburanti e fattura elettronica: rinvio al 1° gennaio

Fattura elettronica alla pompa

solo dal 1° gennaio


Carburanti e fattura elettronica: rinvio al 1° gennaio
© juanlf / Unsplash

L’obbligo di emettere la fattura elettronica per gli acquisti di carburante verso imprese e professionisti è stato rinviato di 6 mesi.

La novità su carburanti e fattura elettronica

Il Consiglio dei Ministri ha approvato ieri sera un decreto legge che rinvia al prossimo 1° gennaio 2019 la decorrenza dell’obbligo di fatturazione elettronica per la vendita di carburante ai soggetti titolari di partita IVA, presso gli impianti stradali di distribuzione.

E’ possibile pertanto continuare ad utilizzare la scheda carburante per gli acquisti effettuati da imprese e professionisti, almeno fino al prossimo 31 dicembre.

Il pagamento deve rimanere tracciato

Rimane confermata invece la novità per la quale le spese relative all’acquisto di carburanti per motori saranno deducibili e l’Iva sarà detraibile soltanto se vengono utilizzati determinati mezzi di pagamento.

Pertanto potranno essere utilizzati tutti i mezzi di pagamento diversi dal denaro contante e cioè: carte di credito, bancomat, carte prepagate, assegni bancari, bonifici bancari o postali, addebito diretto in conto corrente.

Se l’articolo ti è stato utile o ha riscosso il tuo interesse, condividilo con altri.

Se hai dei dubbi o necessiti di approfondimenti, scrivi nei commenti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Svolgo dal 1984 la professione di Ragioniere Tributarista con studio in Torino. La mia specializzazione consiste nel fornire risposte e soluzioni alle problematiche fiscali e tributarie delle piccole imprese e dei liberi professionisti.