Regime forfettario: queste le agevolazioni

FORFETTARIO

Tutti i vantaggi del regime agevolato

le agevolazioni del regime forfettario
© contrastwerkstatt / Fotolia

Il regime forfettario costituisce l’unico regime fiscale agevolato per imprese e professionisti che, rispettando determinati requisiti, hanno diritto a numerose agevolazioni.

Ne ho trattato in precedenti articoli, presentando in linea generale le novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016 e, più in dettaglio, specificando quali sono i soggetti abilitati ad applicare tale nuovo regime agevolato e a quali condizioni.

Le semplificazioni del regime forfettario

Le imprese ed i professionisti che adottano il regime forfettario beneficiano di alcune semplificazioni quali:

  • non addebitano l’IVA sulle fatture emesse
  • sono esonerati dall’applicare e dal versare l’IVA, tranne che in alcune situazioni eccezionali
  • non possono detrarre l’IVA versata sugli acquisti dai fornitori
  • non sono soggetti alla ritenuta di acconto, normalmente operata sui compensi percepiti, con il semplice inserimento di una apposita dichiarazione sulla fattura
  • non devono, a loro volta, operare la ritenuta di acconto ai propri fornitori
  • sono esonerati dagli obblighi di tenuta della contabilità, salvo l’obbligo di conservare e numerare le fatture, oltre che di certificare i corrispettivi
  • non sono soggetti agli studi di settore
  • non sono soggetti alla comunicazione dei clienti e fornitori, anche detto spesometro
  • non sono soggetti alla comunicazione degli acquisti e vendite in paesi cosiddetti “black list

Come va emessa la fattura

La fattura di chi aderisce al regime forfettario deve contenere il riferimento alla norma di legge relativa alla non applicazione dell’Iva e alla non applicazione della ritenuta di acconto.

Questa è la dicitura da inserire all’interno della fattura:

Operazione senza applicazione dell’IVA ai sensi dell’art. 1, comma 58, Legge n. 190/2014, regime forfettario, senza applicazione della ritenuta alla fonte a titolo d’acconto.

Inoltre, su ciascuna fattura di importo totale superiore a 77,47 euro, occorre apporre una marca da bollo da 2 euro sull’originale da consegnare al cliente.

Le agevolazioni del regime forfettario

Il regime forfettario prevede che i soggetti che scelgono di adottarlo godano di alcune agevolazioni come:

  • il calcolo del reddito con l’applicazione di un coefficiente di redditività, che varia a seconda del settore di attività
  • l’applicazione di una imposta del 15% che sostituisce l’IRPEF, le relative addizionali e l’IRAP
  • l’applicazione, per i primi 5 anni di attività, di una imposta ridotta del 5% (anziché del 15%) per coloro che iniziano una nuova attività mai esercitata in precedenza
  • il pagamento dei contributi previdenziali obbligatori ridotti del 35%, per gli iscritti alla gestione INPS artigiani e commercianti

Riepilogo

Gli articoli sino a qui pubblicati (oltre al presente) sull’argomento del regime forfettario, sono i seguenti:

  1. Le principali novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016
  2. Quali sono i soggetti che possono applicarlo

Il prossimo articolo sull’argomento regime forfettario tratterà di come si calcola il reddito e la relativa imposta e sarà pubblicato nelle prossime settimane.

Se l’articolo ti è stato utile o ha riscosso il tuo interesse, condividilo con altri.

Se hai dei dubbi o necessiti di approfondimenti, scrivi nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Svolgo dal 1984 la professione di Ragioniere Tributarista con studio in Torino. La mia specializzazione consiste nel fornire risposte e soluzioni alle problematiche fiscali e tributarie delle piccole imprese e dei liberi professionisti.