Split payment e i chiarimenti dell’Agenzia Entrate

Split payment

online i nuovi soggetti


Fattura elettronica
© leszekglasner / Fotolia

La disciplina dello split payment (o scissione dei pagamenti) è stata oggetto di ulteriori chiarimenti  da parte dell’Agenzia Entrate con la Circolare n. 27/E  del 7 novembre 2017. 

Con effetto dal 1° luglio 2017 era stata modificata la normativa del cosiddetto “split payment”, ampliando la platea di soggetti verso cui va applicata ed estendendolo anche a professionisti ed agenti.

Split payment: soggetti destinatari

E’ stato ampliato il numero dei soggetti a cui è destinata la normativa individuando due macro categorie di soggetti destinatari della disciplina:

  • i soggetti rientranti nella nozione di Pubblica Amministrazione (o da questa controllati)
  • le società quotate.

Per quanto riguarda i soggetti rientranti nella Pubblica Amministrazione, questi sono da individuare in quei soggetti nei cui confronti i fornitori hanno l’obbligo di emettere la fattura in modalità elettronica.

Per meglio individuare le Pubbliche Amministrazioni tenute ad applicare lo split payment si deve fare riferimento all’elenco pubblicato sul sito dell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA).

Split payment: nuovi soggetti

Il meccanismo dello split payment si applica anche ad operazioni effettuate nei confronti delle società controllate dalla P.A. centrale e locale e delle principali società quotate nella Borsa italiana.

In particolare, i soggetti coinvolti sono le società:

  • controllate direttamente dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dai Ministeri attraverso il controllo di diritto o di fatto;
  • controllate direttamente dalle regioni, province, città metropolitane, Comuni, unioni di Comuni attraverso il controllo di diritto;
  • controllate direttamente o indirettamente attraverso il solo controllo di diritto delle società a controllo pubblico di cui alle precedenti lett. a) e b), anche se quotate;
  • quotate, inserite nell’indice FTSE MIB della Borsa italiana.

Per individuare correttamente i soggetti per cui trova applicazione il meccanismo della scissione dei pagamenti occorre fare riferimento agli elenchi pubblicati dal Dipartimento delle finanze del Ministero dell’economia e delle finanze, in versione definitiva, in data 31 ottobre 2017.

Split payment: soggetti esclusi

Vi sono anche dei soggetti esplicitamente esclusi dalla disciplina, si tratta delle strutture organizzative preposte dall’ordinamento giuridico all’amministrazione di beni demaniali collettivi.

Se l’articolo ti è stato utile o ha riscosso il tuo interesse, condividilo con altri.

Se hai dei dubbi o necessiti di approfondimenti, scrivi nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Svolgo dal 1984 la professione di Ragioniere Tributarista con studio in Torino. La mia specializzazione consiste nel fornire risposte e soluzioni alle problematiche fiscali e tributarie delle piccole imprese e dei liberi professionisti.