Split payment: ecco il nuovo elenco dei destinatari

Split payment

i soggetti obbligati


Split payment il nuovo elenco dei destinatar
© Lorenzo Brasco / Fotolia

Lo split payment trova l’elenco aggiornato dei soggetti interessati, a seguito anche dell’ampliamento dei soggetti stessi, con la pubblicazione degli elenchi definitivi, validi dal 1° gennaio 2018.

Il nuovo elenco dei soggetti tenuti all’applicazione della scissione dei pagamenti ha efficacia costitutiva, cioè evita al fornitore di dover compiere indagini per conoscere se il cliente è o meno assoggettato alla disciplina.

I nuovi elenchi, consultabili sul sito del Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia include:

  1. società controllate di fatto, direttamente o indirettamente, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dai Ministeri;
  2. enti o società controllate, direttamente o indirettamente, dalle amministrazioni centrali;
  3. enti o società controllate, direttamente o indirettamente, dalle amministrazioni locali;
  4. enti o società controllate, direttamente o indirettamente, dagli enti nazionali di previdenza e assistenza;
  5. enti, fondazioni o società partecipate, direttamente o indirettamente, per una percentuale complessiva del capitale non inferiore al 70% dalle Amministrazioni Pubbliche;
  6. società quotate inserite nell’indice FTSE MIB della Borsa Italiana.

Se l’articolo ti è stato utile o ha riscosso il tuo interesse, condividilo con altri.

Se hai dei dubbi o necessiti di approfondimenti, scrivi nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Svolgo dal 1984 la professione di Ragioniere Tributarista con studio in Torino. La mia specializzazione consiste nel fornire risposte e soluzioni alle problematiche fiscali e tributarie delle piccole imprese e dei liberi professionisti.