Niente contributi per autonomi e professionisti

La legge di bilancio 2021 prevede l’istituzione di un Fondo per l’esonero dai contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi e dai professionisti.

Ciò al fine di ridurre gli effetti negativi causati dall’emergenza COVID-19 sul reddito dei lavoratori autonomi e dei professionisti.

Questo fondo ha una dotazione finanziaria iniziale di 1.000 milioni di euro per l’anno 2021 ed è destinato a finanziare l’esonero parziale dal pagamento dei contributi previdenziali dovuti:

  • dai lavoratori autonomi e dai professionisti iscritti alle gestioni previdenziali dell’INPS;
  • dai professionisti iscritti agli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza, che abbiano:
    • percepito nel periodo d’imposta 2019 un reddito complessivo non superiore a 50.000 euro;
    • e subìto un calo del fatturato nell’anno 2020 non inferiore al 33 per cento rispetto al fatturato dell’anno 2019.

L’esonero non spetta per i premi dovuti all’INAIL (Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni).

Se l’articolo ti è stato utile o ha riscosso il tuo interesse, condividilo con altri.

Se hai dei dubbi o necessiti di approfondimenti, scrivi nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Svolgo dal 1984 la professione di Ragioniere Tributarista con studio in Torino. La mia specializzazione consiste nel fornire risposte e soluzioni alle problematiche fiscali e tributarie delle piccole imprese e dei liberi professionisti.