Case e immobili: novità 2016 – 2° parte

Case e immobili

agevolazioni 2016 - #2

IMU e TASI le novità 2016
© JSB31 / Fotolia

Sono numerose le agevolazioni concesse ai proprietari di abitazioni e altri tipi di immobili dalla Legge di Stabilità 2016: si va dalla riconferma dei crediti di imposta sulle ristrutturazioni ed al credito di imposta per la riqualificazione energetica sino alle novità rappresentate dai nuovi bonus per l’acquisto di mobili da parte delle giovani coppie, dallo sconto del 50% dell’Iva in caso di acquisto da costruttore per finire con l’acquisto in leasing della propria abitazione.

Dopo aver trattato le novità relative ad IMU, TASI e all’imposta sugli immobili esteri, passo in rassegna le altre novità relative alle case ed altre tipologie di immobili, con particolare riferimento alle molte agevolazioni, alcune già conosciute e utilizzate in anni precedenti e altre di nuova creazione.

Bonus ristrutturazioni edilizie

E’ confermata anche per quest’anno la detrazione fiscale del 50% sulle spese sostenute per gli interventi di ristrutturazione edilizia sulla propria abitazione principale. La spesa massima agevolabile è di 96.000 euro e la detrazione del 50% è da usufruire nell’arco di 10 anni.

Bonus riqualificazione energetica

Anche questa agevolazione viene riconfermata per quest’anno e pertanto le spese sostenute per l’efficientamento energetico degli immobili, danno diritto ad una detrazione del 65%, da calcolare sulle spese per migliorare l’efficienza energetica. Anche per questa agevolazione la detrazione va ripartita in 10 anni.

Bonus mobili per giovani coppie

Come anticipato in un precedente articolo, questa nuova agevolazione fiscale viene concessa alle giovani coppie conviventi (anche se non sposate) che risultano tali da almeno 3 anni ed in cui almeno uno dei componenti non abbia superato i 35 anni di età.

In caso di acquisto della propria abitazione nel corso del 2016, le spese sostenute per arredarla potranno usufruire di un credito di imposta del 50% della spesa sostenuta (entro un tetto massimo di 16.000 euro), da usufruire nell’arco di 10 anni.

Acquisto da costruttore e sconto Iva del 50%

E’ introdotta questa nuova agevolazione immobiliare concessa a tutti coloro che nel 2016 acquisteranno una abitazione (sia come prima che come seconda casa) da una impresa di costruzione.

Deve trattasi di una abitazione nuova oppure ristrutturata, di classe energetica A oppure B; in tal caso il 50% dell’Iva pagata al costruttore potrà essere portata in detrazione dall’imposta sul reddito, ripartendola in 10 quote annuali.

Acquisto della prima casa in leasing

Debutta questa nuova modalità del leasing immobiliare con cui acquistare la propria abitazione e porta con sé una serie di agevolazioni fiscali, riservate a coloro il cui reddito complessivo non è superiore a 55.000 euro annui e che non possiedono altre abitazioni.

Per coloro che utilizzeranno il leasing immobiliare per acquistare la propria abitazione, in cui trasferiranno la propria residenza entro un anno, è concessa una detrazione del 19% dall’imposta sul reddito, con queste modalità:

  • per chi ha non più di 35 anni di età, la detrazione del 19% spetta per un importo annuo pari a:
    • massimo 8.000 euro per canoni di leasing e oneri accessori
    • massimo 20.000 euro per il valore di riscatto
  • per chi ha più di 35 anni, la detrazione del 19% si applica su importi ridotti alla metà, e quindi:
    • massimo 4.000 euro per canoni di leasing e oneri accessori
    • massimo 10.000 euro per il valore di riscatto

Con questo articolo completo la breve rassegna delle novità che interessano i proprietari degli immobili.

Se l’articolo ti è stato utile o ha riscosso il tuo interesse, condividilo con altri.

Se hai dei dubbi o necessiti di approfondimenti, scrivi nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Svolgo dal 1984 la professione di Ragioniere Tributarista con studio in Torino. La mia specializzazione consiste nel fornire risposte e soluzioni alle problematiche fiscali e tributarie delle piccole imprese e dei liberi professionisti.