Regime forfettario e richiesta contributi Inps ridotti

FORFETTARIO

contributi Inps ridotti

Regime forfettario e richiesta contributi Inps ridotti
© Comugnero Silvana / Fotolia

Il regime contabile forfettario, introdotto dalla Legge Finanziaria 2015 e successivamente modificato, riguarda le persone fisiche che esercitano una attività di impresa o di lavoro autonomo e che rispettano determinati requisiti.

Tra le agevolazioni previste per i contribuenti forfettari è prevista anche la possibilità di richiedere la riduzione del 35% dell’importo dei contributi previdenziali dovuti dagli iscritti alla gestione Inps degli artigiani e commercianti.

Come richiedere i contributi Inps ridotti

La richiesta della riduzione dei contributi previdenziali Inps per gli iscritti alla Gestione Artigiani e Commercianti non è un obbligo, ma una facoltà.

L’Inps ha previsto che, per poter avere diritto a questa riduzione, l’interessato deve inviare una apposita domanda telematica entro il 28 febbraio dell’anno entro il quale intende usufruirne. La domanda telematica è disponibile nel Cassetto previdenziale accessibile dal sito Internet dell’INPS.

L’Inps ha previsto 3 tipologie di soggetti con modalità di richiesta differenziata, e cioè:

  • esercenti già beneficiari della contribuzione ridotta nel 2016
  • esercenti che hanno iniziato l’attività nel 2016 che intendono richiedere la riduzione nel 2016
  • esercenti che iniziano l’attività dal 1° gennaio 2017

Soggetti già beneficiari della riduzione

Coloro che hanno già utilizzato la riduzione dei contributi Inps nel 2016 possono continuare a beneficiarne anche nel 2017, purché siano rispettate tutte le condizioni previste dal regime forfettario, sempre che non vogliano espressamente rinunciare a tale agevolazione.

Pertanto, tali soggetti non dovranno ripresentare la comunicazione telematica di riduzione contributiva nel 2017, continuando ad usufruirne a seguito della richiesta espressa nel 2016.

Soggetti che hanno iniziato l’attività nel 2016

I soggetti che hanno iniziato la loro attività d’impresa nel corso del 2016 (negli anni precedenti), nel caso intendano richiedere la riduzione contributiva per l’anno 2017, devono presentare la richiesta all’Inps entro il prossimo 28 febbraio 2017.

L’Inps ha però precisato che vi sono due modalità di presentazione della richiesta di riduzione contributiva e cioé:

  1. coloro che hanno già una posizione previdenziale aperta con l’Inps (cioè, sono già in possesso dei codici per il pagamento dei contributi), debbono presentare la domanda telematica
  2. coloro, invece, che non hanno ancora una posizione aperta con l’Inps debbono presentare (sempre entro il 28 febbraio 2017) una domanda cartacea

Soggetti che iniziano l’attività dal 1° gennaio 2017

Tutti coloro che iniziano l’attività d’impresa dopo il 1° gennaio 2017 e che presumono di essere in grado dei requisiti richiesti, debbono presentare tempestivamente la domanda telematica di richiesta di riduzione contributiva all’Inps.

In tal modo, l’Inps potrà rendere disponibili sul Cassetto previdenziale i contributi già calcolati al netto della riduzione contributiva spettante.

Se l’articolo ti è stato utile o ha riscosso il tuo interesse, condividilo con altri.

Se hai dei dubbi o necessiti di approfondimenti, scrivi nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Svolgo dal 1984 la professione di Ragioniere Tributarista con studio in Torino. La mia specializzazione consiste nel fornire risposte e soluzioni alle problematiche fiscali e tributarie delle piccole imprese e dei liberi professionisti.